Serbatoio idrico a torre in PLEXIGLAS® di Tom Fruin a New York

© Matthew Pugliese

Il serbatoio idrico a torre più colorato di tutta New York

Tom Fruin ha trasformato un vecchio serbatoio idrico in una moderna opera d'arte. A tale scopo l’artista ha utilizzato circa 1.000 frammenti colorati di PLEXIGLAS®.

Dal Brooklyn Bridge Park di New York si può ammirare un panorama mozzafiato sullo Skyline di Manhattan. Una vista di per sé già straordinaria, resa ancora più affascinante da un serbatoio idrico a torre davvero speciale. Quest'ultimo, infatti, non è fatto né in cemento né in legno, bensì è rivestito di PLEXIGLAS® colorato o per essere precisi ACRYLITE®, il marchio con cui viene venduto il PLEXIGLAS® sul continente americano.

Arte a rappresentazione dell’ambiente circostante

Un prodotto, due marchi

Evonik produce il suo vetro acrilico di marca in tutto il mondo: in Europa, Asia, Africa e Australia viene venduto con il marchio PLEXIGLAS®, mentre sul continente americano si chiama ACRYLITE®.

L’opera d’arte è frutto del lavoro di Tom Fruin, un artista di New York che utilizza già da decenni materiali riciclati. “Quando 20 anni fa mi trasferii a New York, raccolsi materiali che erano presenti in tutta la città per comprendere il nuovo ambiente in cui abitavo”, racconta Fruin. All’inizio, con questi materiali, realizzò coperte e bandiere a patchwork in omaggio alla tradizione artigianale americana. Con il passare del tempo, il suo lavoro passò infine da piccoli arazzi a grandi installazioni architettoniche. “Con una gamma limitata di materiali recuperati posso rappresentare al meglio la città in cui viene installata la mia scultura”, così l’artista spiega le sue motivazioni. “La città e i suoi abitanti sono la mia fonte di ispirazione. Per questo ha senso utilizzare materiali provenienti dal loro ambiente”.

Uno spruzzo di colore nello Skyline

Il PLEXIGLAS® mi offre i colori più dinamici e interessanti per realizzare le mie opere d’arte.

Tom Fruin
artista

Per il serbatoio idrico a torre sul tetto dell’edificio principale del Brooklyn Bridge Park, Fruin ha utilizzato circa 1.000 frammenti del vetro acrilico di marca di Evonik. “Il PLEXIGLAS® mi offre i colori più dinamici e interessanti per realizzare le mie opere d’arte e rappresentare in maniera accurata la vitalità e la molteplicità di colori della città”, afferma Fruin. Il vetro acrilico di marca può essere, infatti, colorato con grande precisione ed è pertanto disponibile in svariati colori e con superfici diverse. Per il serbatoio idrico a torre Fruin ha utilizzato tante diverse varianti del PLEXIGLAS®, da GS e XT a Textures, nonché svariati resti di produzione del vetro acrilico di marca. La scultura colpisce in maniera particolare per i suoi colori luminosi, che si fanno notare tra i grattacieli piuttosto grigi dello Skyline di Brooklyn.

La scultura fa parte della serie ICON, in cui Fruin ha trasformato edifici trascurati in colorate opere d’arte. La serie include, oltre a serbatoi idrici a torre, anche casette e pale eoliche. “Mi auguro che le persone che vedono le mie opere vivano un’esperienza speciale e percepiscano l’ambiente che li circonda con maggiore rispetto e consapevolezza”, sostiene Fruin. Nel frattempo le installazioni possono essere ammirate in varie città in tutto il mondo, come ad esempio a Jeju (Corea del Sud) e a Vienna.

Lamiere d'acciaio e PLEXIGLAS®

Fruin realizza tutte le sue installazioni con vetro acrilico e telai d’acciaio. Per fissare le lastre di PLEXIGLAS® ai telai d’acciaio che le delimitano, l’artista ha sviluppato una sua tecnica: prima taglia con il laser la forma desiderata in una lamiera d’acciaio, poi avvita a mano le singole lamiere. Infine, inserisce il PLEXIGLAS® negli spazi vuoti che si vengono a creare. Con questa tecnica l’artista non costruisce soltanto le facciate delle sue opere d’arte, ma anche dettagli come scale o abbaini con portelli apribili.

Attualmente sono quattro le sculture di Tom Fruin che adornano Brooklyn. / © YouTube/Brooklyn Daily Eagle

Un richiamo visivo sia di giorno che di notte

L’acciaio nero crea un forte contrasto con le lastre colorate di PLEXIGLAS®, i cui colori vivaci risplendono sempre, non solo di giorno. Di notte, infatti, il serbatoio idrico a torre viene illuminato dall’interno, ottenendo così il massimo effetto. Come per l’utilizzo di materiali riciclati, per Fruin era molto importante che anche l’illuminazione fosse sostenibile. Per questo motivo vengono impiegate batterie solari, che durante il giorno accumulano energia e di notte alimentano i proiettori fissati sul fondo del serbatoio idrico a torre. Queste lampade non sono visibili dall’esterno, perché il PLEXIGLAS® lascia passare la luce, ma non è del tutto trasparente. Grazie all’ottima proprietà fotoconduttiva del materiale, la luce viene diffusa in maniera uniforme su tutta la superficie del serbatoio idrico a torre, creando un suggestivo gioco di colori davanti all’imponente Skyline di Manhattan.