La torre Oskar von Miller con la sua facciata in PLEXIGLAS® è il simbolo dell’Università Tecnica di Monaco di Baviera.

© Andreas Heddergott / TUM

Un simbolo luminoso

Avvicinandosi a Monaco, la si scorge già da lontano: la torre Oskar von Miller dell’Università Tecnica di Monaco si fa notare grazie alla sua facciata in PLEXIGLAS® trasparente e illuminata.

L’abito fa il monaco. Vale anche per la torre meteorologica della rinomata Università Tecnica di Monaco di Baviera (TUM). Questo semplice gigante di cemento armato è stato elegantemente rivestito nel 2010 con un manto di PLEXIGLAS® traslucido fatto su misura e ribattezzato “torre Oskar von Miller”. Da allora è diventato il simbolo del campus per ricercatori di Garching.

Oskar von Miller

La torre deve il suo nome a Oskar von Miller (1855–1934), uno dei più importanti ingegneri edili tedeschi della sua epoca. Fu un pioniere nel campo dell’elettrotecnica e dell’energia idroelettrica. Tra il 1875 e il 1879 studiò all’Università Tecnica di Monaco di Baviera e nel 1903 fondò il Deutsches Museum.

Al momento della sua inaugurazione a luglio 2010, la torre Oskar von Miller era l’edificio con la facciata in PLEXIGLAS® più alta del mondo. La torre, che con la punta arriva ai 62 metri di altezza, funge da stazione per le misurazioni meteorologiche e il monitoraggio della fonte di neutroni usata a scopo di ricerca dalla TUM. E l’esterno mostra quanto avviene all’interno: sulla facciata sono ben visibili da lontano le scritte luminose che indicano dati meteorologici, quali temperatura e velocità del vento. I dati rilevati dai sensori sulla torre vengono trasmessi da un computer ai diodi luminosi e proiettati da dietro sulla facciata in PLEXIGLAS®. Il logo della TUM in cima alla torre è formato da altri 1.350 LED.

Una vista davvero straordinaria, soprattutto di notte. “Chi giunge all’aeroporto di Monaco dall’ovest, potrà vedere di sera la torre illuminata”, afferma un portavoce dell’Università Tecnica di Monaco di Baviera. “Il PLEXIGLAS® è un materiale straordinario e semitrasparente, che contribuisce a rendere speciale il carattere dell’edificio”.

Vuole restare sempre aggiornato? Allora si iscriva alla nostra newsletter di PLEXIGLAS®!

Il PLEXIGLAS® può essere illuminato ad effetto

Acquistare PLEXIGLAS® XT

Il PLEXIGLAS® XT è un vetro acrilico estruso (XT). Ha una resistenza ineguagliabile all’invecchiamento e agli agenti atmosferici, è altamente trasparente, brillante, infrangibile, facile da modellare e lavorare, nonché disponibile in vari colori. Nel nostro shop online di PLEXIGLAS® si può ordinare il PLEXIGLAS® XT in vari spessori, formati e colori.

In fase di progettazione della nuova torre per la TUM fu subito chiaro, che doveva essere qualcosa di più di un semplice edificio funzionale. E così nacque l’idea di un involucro trasparente che lasciasse intravedere la costruzione portante e potesse allo stesso tempo essere illuminato. Grazie alle sue proprietà ottiche, la scelta cadde infine sul PLEXIGLAS®.

Il vetro acrilico di marca Röhm è disponibile sia in versione altamente trasparente con una trasmissione della luce del 92%, sia nelle varianti traslucide con una minore trasmissione luminosa. Per la costruzione della torre è stata usata appositamente una variante di PLEXIGLAS® traslucido con un grado di trasmissione luminosa dell’88% e leggermente colorato di bianco per motivi tecnici di illuminazione. Così le proiezioni LED risaltano meglio sulla facciata.

Vuole restare sempre aggiornato? Allora si iscriva alla nostra newsletter di PLEXIGLAS®!

Un materiale flessibile e sostenibile

“Non volevamo costruire una semplice stele, bensì rendere viva la facciata”, rammenta Thilo Üblagger. Üblagger è il direttore dell’azienda k-tec Thermoforming Solutions nei pressi di Salisburgo, che ha realizzato la facciata della torre Oskar von Miller. È costituita da circa 200 lastre lavorate a caldo di PLEXIGLAS® estruso con uno spessore di 25 millimetri. Dato che l’involucro ellittico della torre si assottiglia andando verso l’alto, ogni segmento ha un’incurvatura diversa.

“Il PLEXIGLAS® è leggero, plasmabile su più assi e disponibile in grandi formati, nonché un materiale sostenibile.”

Thilo Üblagger
direttore della k-tec GmbH

Sebbene il PLEXIGLAS® di per sé sia leggero, i segmenti più grandi con una superficie di 14 metri quadrati pesano quasi 400 kg. “Lavorare pezzi simili con grandissima precisione è molto difficile”, afferma Üblagger, la cui azienda è specializzata nella lavorazione di componenti plastici di grandi dimensioni. Conosce bene il PLEXIGLAS® da tanti altri progetti e lo apprezza molto: “È leggero, plasmabile su più assi e disponibile in grandi formati, nonché un materiale sostenibile. Lo si nota sia dal basso consumo energetico in fase di produzione e lavorazione, sia durante il trasporto”. Per la lavorazione del PLEXIGLAS® è, infatti, sufficiente una frazione dell’energia necessaria per lavorare un pezzo equivalente in vetro. E la leggerezza del materiale consente di consumare meno carburante durante il trasporto. Inoltre, il vetro acrilico di marca Röhm dura a lungo, perché resiste alle intemperie e ai raggi UV. È dunque il materiale ideale per un simbolo luminoso.

Vuole restare sempre aggiornato? Allora si iscriva alla nostra newsletter di PLEXIGLAS®!