Il giradischi Phonosuper SK 4 di marca Braun

©picture alliance / ZB

Phonosuper SK 4, leggenda del design: disco preferito in vista

Linee chiare e comandi semplici: negli anni 1950 il giradischi Phonosuper SK 4 di marca Braun diede il via ad una nuova epoca nel campo del design industriale. Il coperchio in PLEXIGLAS® gli procurò il soprannome di “bara di Biancaneve”.

I giradischi sono apparecchi sensibili. Poiché granelli di polvere o altre particelle di sporco rischiano di danneggiare facilmente la punta della testina ed il disco, l'utilizzo di un coperchio è decisamente opportuno. Gli amanti di questi apparecchi, ritornati nel frattempo alla ribalta, prediligono inoltre osservare il giradischi in funzione. Il produttore di elettrodomestici Braun aveva trovato una soluzione allo scopo già nel 1956: l’apparecchio radio-giradischi Phonosuper SK 4 era dotato di un coperchio trasparente in PLEXIGLAS®.

Design innovativo del prodotto

Fino agli anni ’50 avanzati, i giradischi erano apparecchi grandi e imponenti, prodotti prevalentemente in legno scuro. Phonosuper SK 4, realizzato nel 1956 dai noti designer Hans Gugelot e Dieter Rams per la ditta Braun AG, era l’esatto contrario: Esso risaltava per il design chiaro e semplice. Con un corpo in lamiera laccata in bianco e un coperchio trasparente, il prodotto aveva un aspetto pregiato e al contempo moderno. I lati in legno si ricollegavano invece allo stile di arredamento dell’epoca.

Phonosuper SK 4 von Braun

Innovazione funzionale di design

 I designer diedero risalto al carattere funzionale del loro radio-giradischi. Essi aumentarono la facilità di utilizzo grazie alla chiara disposizione dei comandi sulla parte superiore dell’elettrodomestico.

©picture alliance / ZB

Coperchio trasparente

Pionieri del design

In qualità di designer presso l’azienda Braun AG, Dieter Rams e Hans Gugelot crearono una nuova generazione di elettrodomestici che riscosse grande successo in tutto il mondo. Nei loro progetti essi si orientarono alle teorie della Scuola Superiore di Design di Ulm. Trai i progetti di design maggiormente noti dei designer di prodotti e arredamento si annoverano, oltre al giradischi Phonosuper SK 4, il rasoio Sixtant 1, il ricevitore multibanda T 1000 e l’altoparlante elettrostatico LE 1.

In origine, per il giradischi Phonosuper SK 4 era previsto un coperchio in lamiera. Tuttavia fu presto evidente che la lamiera tende a vibrare a volume elevato. Rams propose come alternativa un coperchio in PLEXIGLAS®. Il vetro acrilico di marca dell’azienda Röhm & Haas, predecessore di Evonik, convinse i due designer per l’eccellente proprietà di risonanza, utilizzata già negli anni Trenta per gli strumenti musicali, e per il vantaggio ulteriore di poter vedere il piatto del giradischi. SK 4 costituì pertanto una novità nel campo del design industriale, incidendo inoltre sui decenni successivi, in cui PLEXIGLAS® divenne un materiale richiesto in architettura e nel campo del design. A proposito: per il suo coperchio in PLEXIGLAS®, il giradischi Phonosuper SK 4 fu soprannominato colloquialmente “bara di Biancaneve”, come era avvenuto per lo scooter cabinato Messerschmitt. Quest’espressione derivò originariamente dal designer Hans Gugelot, che considerava il PLEXIGLAS® una moda passeggera – oggi sappiamo bene quanto si sbagliasse.

Phono-Abdeckhauben aus PLEXIGLAS®

Coperchi trasparenti

Coperchi del tipo usato per il giradischi SK 4 furono prodotti incollando lastre colate in PLEXIGLAS®, metodo sostituito in seguito prevalentemente da masse di formatura in PLEXIGLAS® con colata a spruzzo. Si trattava di una procedura più economica per le grandi quantità richieste dal mercato, che consentiva di realizzare spigoli e angoli marcati, voluti dai designer, pressoché senza limitazioni.

©Evonik Industries AG, Konzernarchiv Hanau